La 911 alla frusta: programma di test per la nuova generazione della 911

Gara mondiale di endurance in condizioni estreme

Prima che l'ottava generazione della classica tra le sportive possa arrivare sul mercato, i prototipi devono superare il programma di test finale in giro per il mondo. Per le nuove 911, questo significa una vera e propria prova di durata. Fanno la spola tra zone climatiche con escursioni termiche di 85 °C. Sfrecciano su strade con differenze di altitudine di quattro chilometri. Si affannano nel mezzo degli ingorghi delle grandi città e fanno segnare nuovi record in pista. E alla fine ogni sistema deve funzionare con la stessa affidabilità iniziale.

"Oltre che per le straordinarie prestazioni, la 911 si distingue anche per la sua praticità nell'uso quotidiano" afferma Andreas Pröbstle, capo progetto dell'intera vettura 911. "È questo il motivo per cui testiamo le vetture in tutte le condizioni, con tutte le situazioni meteorologiche, in tutte le regioni. I propulsori devono funzionare in modo impeccabile come i fluidi, tutti i sistemi e i processi di comando, ma anche gli indicatori e i display. Solo in questo modo possiamo essere sicuri che l'auto possa essere guidata senza guasti in tutte le zone di questo mondo,” aggiunge.

Gli elementi su cui si sono concentrati i test sono le classiche competenze chiave Porsche, come telaio e motore, con una spaziatura ancora più ampia tra prestazioni e praticità nell'uso quotidiano. A questi si aggiungono i testi funzionali e le prove di resistenza del concept di comando completamente nuovo di tutti gli strumenti e i display. Anche i nuovi sistemi di assistenza e la connettività estesa devono superare le sfide della difficile maratona di test. La prova dei comandi e delle funzioni di Porsche Connect richiede un lavoro non indifferente a causa delle diverse varianti nazionali.

Nei zone con temperature elevate, come i paesi del Golfo in Medio Oriente o la Death Valley negli USA, anche il climatizzatore, la gestione termica e il processo di combustione devono resistere a prove di funzionamento effettuate a temperature che raggiungono i 50 °C. Gli interni, ad esempio, non devono deformarsi con il calore, né emettere strani rumori per il caldo. Nella fredda Finlandia, a -35 °C, sulla checklist dei test figurano parole chiave come avviamento a freddo, riscaldamento e climatizzazione, trazione, handling e frenata ma anche velocità di reazione dei sistemi di regolazione della dinamica di guida. Le strade tortuose e impegnative del Circolo Polare Artico offrono condizioni ottimali per mettere alla prova una vettura sportiva. Per la prova di durata le nuove 911 hanno attraversato le strade asfaltate e non asfaltate cinesi nella tipica infrastruttura stradale del posto, e hanno dovuto dimostrare di poter garantire affidabilità di funzionamento anche con carburanti di diverse qualità.

In Germania, il Nürburgring fa parte per tradizione del programma di test Porsche. Motore, cambio, freni e autotelaio hanno dovuto superare il battesimo del fuoco nella regione dell'Eifel. In Italia le vetture di prova hanno sono transitate sul circuito ad alta velocità di Nardò, dove sono stati registrati non solo la velocità massima, ma anche i dati relativi a raffreddamento e handling. Nella Death Valley, situata a quasi 90 metri sotto il livello del mare, le vetture di prova hanno raggiunto il punto più basso del test di durata. Sul Mount Evans in Colorado, a 4.300 metri di altezza, la vera sfida per la sovralimentazione biturbo e il sistema di alimentazione del carburante era rappresentata dall'aria rarefatta in alta quota. Al termine del test sono stati circa tre milioni i chilometri percorsi dalle vetture.

Meno spettacolare, ma altrettanto importante, è il test dell'uso quotidiano, più vicino alle esigenze dei clienti, sulle strade pubbliche, in città e nei tratti extraurbani di tutta la Germania. Anche in questo contesto si sono raggiunti considerevoli chilometraggi nel rispetto di tutte le regole del codice della strada, per garantire la longevità e la praticità nell'uso quotidiano dell'intera vettura e dei relativi sistemi, affinché anche l'ottava generazione dell'icona tra le vetture sportive sia ancora una volta la migliore 911 di sempre.

next item
Le sette generazioni della Porsche 911
previous item
La tecnica della nuova Porsche 911