Pronti per viaggiare con il vento fra i capelli: la nuova 911 Cabriolet

Quando Porsche presentò il prototipo della prima 911 Cabriolet al Salone dell'automobile (IAA) di Francoforte nel settembre del 1981, lasciò clienti e appassionati a bocca aperta. Sin da allora, alla variante scoperta della 911, in consegna dal 1982, venne riservato un posto fisso nella gamma di modelli. La versione decappottabile dell'icona delle vetture sportive è dotata di tutte le innovazioni della coupé. Tra le evoluzioni specifiche per la Cabriolet vi è un nuovo sistema idraulico che apre e chiude la capote più velocemente di prima.

Il nuovo modello riprende il linguaggio estetico moderno della coupé e anche nella versione Cabriolet rimane inconfondibilmente una Porsche 911. La capote in tela completamente automatica possiede un lunotto in vetro integrato a filo del tessuto. Nella copertura sono integrati ampi elementi in magnesio, come struttura di supporto superficiale, che evitano in modo affidabile l'effetto rigonfiamento del tetto alle alte velocità. La capote può essere aperta o chiusa fino a una velocità di 50 km/h. Il nuovo e più leggero sistema di azionamento del tetto riduce il tempo di apertura a circa dodici secondi. Il deflettore estraibile elettricamente fuoriesce in due secondi e limita le turbolenze dietro il collo.

La 911 Cabriolet sarà commercializzata come Carrera S con trazione posteriore e come Carrera 4S con trazione integrale. Entrambe le vetture possono contare su motore boxer a sei cilindri sovralimentato da 2.981 cm³, 450 CV (331 kW) di potenza a 6.500 giri/min e 530 Nm di coppia erogata tra 2.300 e 5.000 giri/min. L'iniezione migliorata e altri interventi di ottimizzazione, come la nuova disposizione dei turbocompressori con raffreddamento dell'aria di sovralimentazione, aumentano il rendimento e riducono le emissioni del propulsore. La trasmissione della potenza è garantita da un cambio a doppia frizione a 8 rapporti di nuova concezione. La 911 Carrera S accelera da 0 a 100 km/h in 3,9 secondi (con pacchetto Sport Chrono opzionale: 3,7 s) e tocca i 306 km/h. La 911 Carrera 4S vanta una velocità di punta di 304 km/h e tocca i 100 km/h in 3,8 secondi (con pacchetto Sport Chrono opzionale: 3,6 s).

Grazie alla nuova posizione dei supporti motore, la Cabriolet presenta una rigidità torsionale ancora superiore rispetto alla versione precedente. La dotazione della 911 Cabriolet vede in elenco per la prima volta l'assetto sportivo Porsche Active Suspension Management (PASM). In questo caso gli ammortizzatori sono più duri e più corti, gli stabilizzatori trasversali dell'asse anteriore e posteriore più rigidi e l'assetto è stato ribassato complessivamente di 10 mm, conferendo alla 911 un bilanciamento ancora più neutro ed equilibrato su strada.

Il design degli esterni riprende quello delle prime generazioni di 911

La nuova 911 Cabriolet si presenta più larga, più sicura di sé e globalmente più muscolosa rispetto al modello di cui prende il posto. Le grandi ruote da 20" sull'anteriore e 21" sul posteriore vengono avvolte da passaruota più larghi. I modelli a trazione posteriore sfruttano la larghezza della carrozzeria finora destinata ai modelli a trazione integrale. L'incremento sull'asse posteriore è in questo caso di 44 millimetri. L'anteriore, cresciuto di 45 mm in larghezza, riprende un tema tradizionale delle prime generazioni di 911: il cofano del bagagliaio proteso in avanti con un avvallamento evidente davanti al parabrezza. Entrambi allungano il frontale e ne conferiscono dinamismo.

La parte posteriore è dominata dallo spoiler a fuoriuscita variabile marcatamente più largo e dalla sottile fascia luminosa continua priva di interruzioni. Tranne la copertura e la parte anteriore e quella posteriore, tutta la carrozzeria è ora di alluminio.

Interni di nuova conformazione dalle linee pulite

Gli interni sono caratterizzati dalle accentuate linee rettilinee del cruscotto con il piano strumenti incassato. Il cruscotto, come nella prima 911, scorre lungo l'intera larghezza tra due piani alari orizzontali. Accanto al contagiri Porsche posizionato centralmente, due sottili display free-form senza cornice informano il conducente. L'ampio Center Screen del Porsche Communication Management (PCM) ora da 10,9" si può comandare intuitivamente e senza distrazioni.

Una serie completa di sistemi di assistenza per maggiore sicurezza e comfort

Come novità a livello mondiale, Porsche ha sviluppato la modalità Wet di serie. La funzione riconosce l'acqua presente sulla strada, adatta al meglio i sistemi di regolazione e avvisa il conducente. Quest'ultimo può decidere di tarare la vettura in modo particolarmente orientato alla stabilità, premendo il tasto oppure tramite l'interruttore Mode sul volante (pacchetto Sport Chrono). In base ai rilievi della telecamera, l'assistente di avvertimento e frenata anch'esso di serie calcola il rischio di collisioni con veicoli, pedoni e ciclisti e, all'occorrenza, emette un avvertimento o attua una frenata d'emergenza. Il ParkAssistant con telecamera posteriore completa la dotazione di serie della Cabriolet. Tra gli optional della 911 sono disponibili un assistente di visione notturna con termocamera e il sistema adattivo di regolazione della velocità con regolazione automatica della distanza, funzione Stop-and-go e protezione reversibile degli occupanti.

In Germania, il prezzo della 911 Carrera S Cabriolet parte da 134.405 euro mentre per la 911 Carrera 4S Cabriolet il prezzo di attacco è di 142.259 euro, con IVA ed equipaggiamento specifico per il mercato.

next item
La nuova Porsche 718 T
previous item
Tre anteprime per il pubblico a Ginevra